Track Premiere: ‘Torna Da Me’ by One Dying Wish

 

One dying wish è il nome di un’amicizia: le nostre canzoni sono pezzi di quattro vite diverse che si intrecciano e diventano, di volta in volta, una storia d’amore, un manifesto politico, una seduta di autocoscienza. Molto spesso ci sentiamo inadeguati a vivere: che significato si può dare al fallimento?“. Lo scorso Gennaio, con queste poche righe concise, avevamo presentato il quartetto One Dying Wish che, assieme a MEO e Kate Call, abbiamo avuto il piacere di ospitare al nostro evento ℌ𝔞𝔯𝔡𝔠𝔬𝔯𝔢 𝔇𝔬𝔲𝔟𝔩𝔢, in collaborazione con gli amici Ossessione Uno.

Divisi tra Piemonte e Lombardia, i One Dying Wish sono autori di un emo violence aggressivo e disperato, con testi urlati in italiano da tre diverse voci abili a dividersi i ruoli nel progredire delle tracce tanto quanto nei partecipati e lancinanti momenti di unisono. Le composizioni, quasi mai al di sotto dei 3 minuti, raccolgo influenze diverse come emo classico, metal, chaotic hc italiano e USA, genere che il gruppo omaggia apertamente già a partire dal nome scelto. One Dying Wish è infatti ripreso dall’omonima, indimenticabile traccia dei Saetia del 1997 che, tramite un’intimo racconto introspettivo, espone sentimenti di insicurezza, desiderio di comunione, e totale abbandono – racconto che tra l’altro è gender-neutral, quindi affrettatevi a dedicarlo all vostr special one!

Nel 2018, l’EP di debutto Paura di Farcela, confezionato dal recording, mixing e mastering di Salvatore Aricò, ha visto gli ODW affacciarsi sulla scena emo italiana, più rarefatta rispetto ai primi anni 10 ma sicuramente non meno valida, con 4 pezzi memorabili in cui cambi di tempo chirurgici, crescendo imponenti, e breakdown mozzafiato orchestrano una sempre coerente esplosione di emozioni istintive e riflessioni accorate (n.d.a.: i testi di ogni traccia sono disponibili su bandcamp). Dopo essere comparsi con ‘Mediterraneo’ su Screamo Sampler VII, i cui proventi saranno interamente devoluti a Sea-Watch, il prossimo lavoro dei quattro è finalmente pronto a vedere la luce, con una premiere sui canali dello stesso blog responsabile della suddetta compilation: Miss the Stars.

 

 

Il blog di base a Berlino, attivo dal 2009, affiancato dal 2012 dall’omonima etichetta, svolge un’importantissimo ruolo all’interno della scena screamo, emo e emo violence europea grazie alla pubblicazione di dischi di band affermate e, allo stesso tempo, numerosi e ricchi sampler in cui artisti emergenti riescono a ritagliarsi del meritato spazio. E’ proprio su questa piattaforma che verrà presentato in anteprima Origami, il primo full-length di ODW in lavorazione già da diverso tempo, composto da sei tracce registrate, mixate e masterizzate da Manuel Volpe ai Rubedo Recordings Studios di Torino lo scorso Novembre 2019.

Accompagnato da un collage originale di Cranico, Origami arriva corredato da uno statement del gruppo stesso in cui vengono introdotti i temi trattati nel disco, e viene inoltre spiegata la complessa ed elaborata gestazione delle composizioni, rimaneggiate e stravolte in numerose occasioni. In linea con il percorso della band seguito in questi anni, l’uscita riprende le intuizioni di Paura di Farcela arrivando in certi frangenti ad esasperarle ed in altri a rilassarle, ampliando ulteriormente lo spettro tra intimità e violenza senza che ne venga scalfita l’urgenza.

Oggi siamo lieti di offrirvi l’ascolto in anteprima di “Torna da Me“, un ruvido e improvviso episodio di belligeranza emotiva e disperata incertezza che farà appunto parte di Origami, disco che sarà presentato in anteprima la prossima settimana sui canali digitali di Miss the Stars. Riprendendo le parole di ODW, con le quali ci congediamo: “‘Torna da me’ è una canzone dell’amore che finisce; molto più banalmente e drammaticamente di come si possa apprendere dalla fiction (letteratura, cinema, televisione), che molto spesso costituisce l’unica fonte di educazione sentimentale, l’amore può anche finire anche senza traumi, semplicemente perché le due persone coinvolte non sono più allineate su quel sentimento: in assenza di uno strappo netto è tutto sfumato e difficile da comprendere ed elaborare, da superare“.

Prima di ascoltare, ricordatevi di seguire ODW su Bandcamp e Facebook, e Miss the Stars sia come etichetta che come blog.

 


 

Are you enjoying what you see on PAYNOMINDTOUS? If that’s the case, we’d like to kindly ask you to subscribe to our newsletter, our Facebook group, and also to consider donating a few cents to our cause. Your help would be of great relevance to us, thank you so much for your time!

 

We are a non-profit organization registered in December 2018, operating since late 2015 as a webzine and media website. In early 2017, we started our own event series focused on arts, experimental, and dancefloor-oriented music. We reject every invocation to “the Future” meant as the signifier for capitalistic “progress” and “innovation”, fully embracing the Present instead; we renounce any reckless and ultimately arbitrary division between “high” and “low”, respectable and not respectable, “mind” and “body”; we support and invite musicians, artists, and performers having diverse backgrounds and expressing themselves via variegated artistic practices.